Mildred Pierce

James M. Cain

Volevo farvi una foto con i Pan-cakes domenicali di stamattina ma non erano poi così invitanti dall’aspetto…tanto che sono finiti prima di fare la foto.

Fra proibizionismo e inizio della guerra questa donna della piccola borghesia reagisce alle difficoltà guardando sempre avanti; ” domani è un altro giorno” potrebbe dire anche lei fino alla fine della storia, quando si ritrova al punto di partenza. Datato? Potrebbe sembrarlo, ma se si considerano sentimenti, azioni e comportamenti di questa donna e madre, non è poi tanto lontana da noi.

Nel 1941, il noir rivolse le sue armi contro se stesso con questo libro, che alla ferocia del genere assomma quella del mélo. Fino alla sua uscita, le dark lady di innumerevoli romanzi usavano la seduzione per condurre qualsiasi maschio capitasse loro a tiro a forme di distruzione spesso peggiori della morte.


Qui Cain va molto oltre. Con le sue letali sorelle Mildred Pierce ha in comune il carattere, la capacità di andare dritta allo scopo e un fondato scetticismo nei confronti del genere maschile. Sul quale infatti trionfa, salendo uno alla volta tutti i gradini del successo.

La lettura è fluida, scorre veloce quasi ipnotica, nella mente mi sono passati molteplici pensieri perché aleggia il sapore della suspense e del dramma imminente, lo sfondo dell’America e della Depressione sono solo accennati, il punto di forza sono i dialoghi perfetti, quasi teatrali, i personaggi impeccabili nel loro ruolo e naturalmente fino alla fine si tifa per Mildred e per il suo riscatto per una giustizia degna di chi ha sacrificato la propria vita per gli altri.

La lettura è fluida, scorre veloce quasi ipnotica, nella mente mi sono passati molteplici pensieri perché aleggia il sapore della suspense e del dramma imminente, lo sfondo dell’America e della Depressione sono solo accennati, il punto di forza sono i dialoghi perfetti, quasi teatrali, i personaggi impeccabili nel loro ruolo e naturalmente fino alla fine si tifa per Mildred e per il suo riscatto per una giustizia degna di chi ha sacrificato la propria vita per gli altri.

“Qualunque cosa io dica, qualunque cosa dicano gli altri,non cambiare mai quel tuo modo di vedere le cose.”

Non mi capita spesso di leggere storie in grado di ipnotizzarmi dalla prima all’ultima pagina e in questo romanzo ho trovato tutto quello che mi aspetto da un bel libro: una trama intrigante, uno stile fluido e scorrevole, personaggi ben caratterizzati e credibili e la provincia americana di cui subisco sempre il fascino.

La forza di questa donna che non ha saputo farsi piegare dalla vita.

  • Una donna la cui volontà era più grande di qualsiasi sfortuna. La sua capacità a non cedere davanti ai grandi problemi famigliari ed economici.
    E non da ultimo il suo modo di affrontare i problemi procurati dalla donna alla quale vuole bene: sua figlia.

“Se Mildred s’illudeva di farle una gentilezza, Veda non era certo il tipo da lasciare ad altri una parte così importante. Prese immediatamente a confortare la madre, con frasi di circostanza perfettamente recitate e grammaticalmente impeccabili.”

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.