Mauro Resta – Hound Dog

Mauro Resta -Hound Dog

Quando si è in viaggio si cercano sempre letture scorrevoli e piacevoli.E oggi ero proprio alla ricerca di qualcosa di appassionante ma breve come un racconto da 8 fermate di sole 12 pagine. Ho ritrovato così la lettura di una delle vecchie edizioni di “#Subway Edizioni” . Sono dei mini racconti stampati su carta riciclata e nati da un progetto grafico di #Solaris comunicazioni.

Venivano dati all’ingresso della stazione proprio per leggerli nell’intervallo di tempo da una fermata alla meta dove si è diretti.Già dalla copertina di Claudia Lauro si può intuire che il racconto sarà forte e spiazzante. Il racconto oscillante com’è il genere che si definisce si legge una meraviglia.Il titolo è preso da una canzone di #Elvis Presley e il protagonista di questo racconto è un bambino il quale si muove come un compianto divo del rock.

Soffre di una malattia impronunciabile tanto per lui che sfiata solo qualche parola con fatica infinita. Il titolo inoltre da il nome al bambino che un nome non ha,provoca imbarazzo al solo sguardo,ma nel raccontarci la sua storia non ha nessuna intenzione di farci piangere. Ci parla con rabbia di chi sa che la propria vita è fastidio per gli altri e fatica per se stesso, ci racconta con l’indignazione di chi è costretto a fare il matto per dare voce alla propria frustrazione, di chi rifiuta di essere poco più che un disturbo per grandi e bambini. I bambini sanno essere crudeli.

La loro è una crudeltà violenta figlia dell’onnipotenza che attraversa il corpo giovane e sano, e l’arroganza annoiata di chi non tollera intralcia il proprio vivere. Allora la cattiveria diventa il campo di battaglia dove si gioca al confronto. In palio l’uguaglianza, la dignità. Mauro mette in scena la bestialità dell’uomo e dà vita a un personaggio scomodo furioso della guerra personale contro tutti ma infinitamente umano nel guidare un disagio che non può accettare. Il piccolo Hound Dog si rivolge a noi in presa di posizione:

“Sapete dirmi da che parte state?”.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.