George Orwell

1984

Ho conosciuto @ambulanzaletteraria su Instagram e mi hanno chiesto un post sulla censura dei libri nella storia, inizialmente un po’ stupita della richiesta poi ecco qui che mi ritrovo a scriverne.



A distanza di tempo dalla Giornata Mondiale della Libertà di stampa.
Sapete quali sono e cosa sono i libri censurati?


Sono libri censurati o oggetti di critica, modificati dei loro contenuto o nel loro linguaggio.
Pongo l’attenzione sul difficile percorso che la letteratura in alcuni casi deve intraprendere per potersi affermare.
Negli anni e nella storia, i più famosi come poterne non citare sono:
Madame Bovary di Gustave Flaubert,Anna Karenina di Lev Tolstoj ,Ulisse di James Joyce,


La prova del miele di Salwa al Neimi  di cui trovate la recensione.
E questi solamente alcuni dei tanti libri censurati per un linguaggio o un contenuto improprio.
Il rogo dei libri è stata una pratica diffusa nella storia. Per ragioni ideologiche, religiose, morali o politiche, molti libri sono finiti sulla lista nera.


Esempi di autori finiti sulla lista nera sono Erasmo da Rotterdam, Giordano Bruno,Bacone, Stendhal, Flaubert e naturalmente Galileo e Darwin, con le loro teorie sull’universo e dell’evoluzione. Che “profetizzavano” nuove idee per l’epoca.
Non ha avuto fortuna neanche George Orwell con entrambi i suoi capolavori: La fattoria degli animali che è ancora censurato in Cina e 1984.
 Il record, tuttavia, spetta al Manifesto del partito comunista di Karl Marx.


Ma non voglio annoiarvi con una lista infinita poiché non è quello il mio scopo; nel tempo ogni libro portava una motivazione e ogni libro ha avuto il suo tempo. Ad oggi leggere è diventato di facile fruibilità poiché tutti possono accedere a contenuti anche multimediali e non solo cartacei, le editorie scalpitano per produrre testi sempre più innovativi e i giovani anche se hanno tutto lo scibile a disposizione poco si interessano alla lettura.


Perché? Semplice non sono invitati a nozze dai libri. Ci vorrebbe un’educazione alla lettura e alla comprensione dei testi. Imparare la condivisione dei testi e non solo la chiusura.

Librinmente – George Orwell – 1984

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.