Come viaggiare con un salmone

Umberto Eco

Come viaggiare con un salmone è un libro di istruzioni. Istruzioni sui generis, date da un maestro d’eccezione per situazioni molto particolari: come imparare a fare vacanze intelligenti, come sopravvivere alla burocrazia, come evitare malattie contagiose, come mangiare in aereo, come viaggiare con un salmone al seguito (se te lo regalano e non vuoi rinunciare alla leccornia), come evitare il carnevale, come non cedere all’ossessione della visibilità, e molto altro.
Un libro che ci guida nella selva delle nostre giornate, nella consapevolezza che la vita scorre per lo più tra piccole cose, incontri fortuiti, piccoli problemi, e non tra dilemmi amletici e interrogativi sull’essere, che occupano solo una piccolissima porzione del nostro tempo, pur essendo l’unica cosa che conta. 


Umberto Eco (Alessandria 1932 − Milano 2016), filosofo, medievista, semiologo, massmediologo, ha esordito nella narrativa nel 1980 con Il nome della rosa (Premio Strega 1981), seguito da Il pendolo di Foucault (1988), L’isola del giorno prima (1994), Baudolino (2000), La misteriosa fiamma della regina Loana (2004), Il cimitero di Praga (2010) e Numero zero (2015). Tra le sue numerose opere di saggistica (accademica e non) si ricordano: Trattato di semiotica generale (1975), I limiti dell’interpretazione (1990), Kant e l’ornitorinco (1997), Dall’albero al labirinto (2007), Pape Satàn aleppe (2016) e Il fascismo eterno (2018). Ha pubblicato i volumi illustrati Storia della Bellezza (2004), Storia della Bruttezza (2007), Vertigine della lista (2009), Storia delle terre e dei luoghi leggendari (2013) e Sulle spalle dei giganti (2017) 

Non posso avere la presunzione di giudicare Umberto Eco. Il libro è una conferma delle qualità dello scrittore, ironico, pungente, garbato. Una bella raccolta. Ritorno indietro nel tempo, nel leggere queste righe, e mi rendo conto di quanto mancherà, e della perdita che noi tutti abbiamo avuto. È una testimonianza preziosa, ed è sufficiente aprire una pagina a caso ed iniziare la lettura: la varietà degli argomenti trattati, ed il modo con cui sono trattati permette di consigliare la lettura non solo a persone, come il sottoscritto, che, sessantenni, ricordano alcuni fatti, ma anche per lettori più giovani.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.