“‘A Livella” di Antonio de Curtis

Ci sono classici che non stancano mai, come la poesia “‘A Livella” di Antonio de Curtis, in arte Totò. Sono passati 55 anni da quando il comico scrisse i versi un po’ in italiano, un po’ in dialetto napoletano, affidando alla scrittura un concetto chiave: la morte rende tutti uguali, ricchi e poveri. “‘A morte ‘o ssaje ched”è? …è una livella”, scrisse. Si tratta di un poemetto narrativo che ogni anno torna alla memoria il 2 novembre e che affronta con ironia il tema della morte, molto caro ai napoletani. Totò che amava scrivere le sue poesie in italiano e dialetto, ne aveva appuntati i versi sui pacchetti di sigarette. Tra un ciak e l’altro tornava nel suo camerino, svestiva i panni del principe della risata e rimaneva semplicemente Antonio. E scriveva tutto ciò che aveva più a cuore, riversando i quei versi la sua vera essenza.

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza per i defunti andare al Cimitero. Ognuno ll’adda fà chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno, di questa triste e mesta ricorrenza, anch’io ci vado, e con dei fiori adorno il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘n’avventura… dopo di aver compiuto il triste omaggio. Madonna! si ce penzo, e che paura!, ma po’ facette un’anema e curaggio.
‘O fatto è chisto, statemi a sentire: s’avvicinava ll’ora d’à chiusura: io, tomo tomo, stavo per uscire buttando un occhio a qualche sepoltura.
“Qui dorme in pace il nobile marchese signore di Rovigo e di Belluno ardimentoso eroe di mille imprese morto l’11 maggio del’31”
‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto… …sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine; tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto: cannele, cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore; pe’ segno, sulamente ‘na crucella.
E ncoppa ‘a croce appena se liggeva: “Esposito Gennaro – netturbino”: guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo… chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.